La dermatite atopica è una malattia infiammatoria e cronica della pelle caratterizzata da arrossamento, secchezza, prurito e desquamazione.

Colpisce più i bambini che gli adulti e spesso, a differenza di altre patologie della pelle, porta con sé allergie: circa un bambino su tre sviluppa anche asma allergica o raffreddore da fieno.

Ecco l’indice dell’articolo:

Dermatite atopica e allergie

Le risposte allergiche possono essere dovute a diversi fattori, come il consumo di determinati alimenti, l’esposizione a sostanze chimiche o il contatto con altre tossine e sostanze aggressive, come profumi o saponi chimici. 

Sorprendentemente, la dermatite atopica non è collegata al contatto con animali domestici. 

In realtà, è vero il contrario: è stato riscontrato che l’eczema (altro nome con cui è conosciuta la dermatite atopica) è meno comune nei bambini che hanno molti fratelli o cani e che trascorrono del tempo negli asili nido a contatto con altri bambini fin dalla giovane età.

Ciò provoca un sistema immunitario più forte e una maggiore protezione dallo sviluppare la dermatite atopica.

La ricerca mostra anche come i bambini allattati al seno abbiano una maggiore protezione contro le allergie che possono influenzare il sistema immunitario e la pelle.

L’eczema colpisce la parte visibile, la più esterna dell’epidermide (chiamata strato corneo), uno strato che protegge il corpo da microbi o batteri nocivi che possono entrare attraverso i tagli e penetrare negli strati più profondi della pelle.

Lo strato corneo si rinnova costantemente, eliminando le vecchie cellule danneggiate e creandone di nuove e sane.

Un processo che aiuta a mantenere la barriera della pelle forte e resistente, ma che si interrompe in presenza dell’eczema.

Cause della dermatite atopica

Cause della dermatite atopica

Diverse sono le cause che ci espongono a sviluppare prima o poi l’eczema:

  • Fattori genetici. La presenza della mutazione del gene della filaggrina comporta una ridotta produzione della proteina stessa, che normalmente aiuta a mantenere le cellule dello strato corneale compatte e ben salde, favorendo disidratazione e desquamazione della pelle.
  • Ridotta produzione di sebo, per cui la pelle è sempre molto secca. Ciò può anche essere dovuto a fattori genetici o cambiamenti nel sistema immunitario.
  • Bassa funzione immunitaria, che porta all’aumento dell’infiammazione in seguito ad una risposta eccessiva a lieviti e batteri che normalmente vivono sulla pelle.
  • Fattori climatici. Le persone che vivono in Paesi con climi più freddi sembrano sviluppare l’eczema più spesso, a causa di climi secchi e freddi

Un sistema immunitario debole può essere inoltre dovuto a fattori come:

La pelle secondo la Medicina Tradizionale Cinese

La pelle è lo specchio del nostro equilibrio, ci difende, ma mostra anche subito i segni di tossine e carenze interne.

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese la pelle è in stretta connessione con i polmoni, risente di tutti gli squilibri del fegato e dell’intestino.

Quando il fegato non riesce a espletare il suo compito di disintossicazione del corpo e l’intestino è in difficoltà, la pelle corre in aiuto.

Non nasce come organo per il detox ma diventa un “emuntore di soccorso” quando il quantitativo di tossine in circolo è davvero eccessivo.

La Medicina Tradizionale Cinese recita che “tutto ciò che non è eliminato dall’intestino crasso, è eliminato attraverso la pelle”.

Cosa dice la scienza moderna

Gli ultimi studi al riguardo, e soprattutto quello di Zoltan P. Rona, hanno individuato nella permeabilità intestinale, vale a dire in un assottigliamento delle pareti del tratto intestinale, la causa scatenante di molte patologie autoimmuni come la vitiligine, il morbo di Crohn, la colite ulcerosa, il diabete, la psoriasi, la celiachia…

Quando ciò avviene, sostanze tossiche, che normalmente dovrebbero passare attraverso l’intestino ed eventualmente essere eliminate dall’organismo, filtrano tramite le sue pareti, entrano nel sistema linfatico e invadono il flusso sanguigno.

L’intestino inizia a trasudare batteri, miceti, parassiti e le loro tossine, proteine non digerite, grassi e scorie, che in salute normalmente non vengono assorbiti dal flusso sanguigno, passano attraverso un intestino danneggiato, iper-permeabile, poroso o trasudante.

Si diventa così meno resistenti a virus, batteri, parassiti.

Sintomi della dermatite atopica

Fra i sintomi della dermatite atopica ci sono:

  • allergie (affaticamento, asma, problemi respiratori)
  • prurito
  • desquamazione e lesione della pelle

Il prurito è il disagio principale di chi soffre di dermatite atopica.

Aggravato da una pelle secca, dal contatto con certi tipi di tessuti e metalli, detergenti aggressivi, se forte, il prurito innesca un circolo vizioso: ci si gratta per trovare sollievo, peggiorando lo stato delle lesioni.

Quanto alle lesioni della pelle, queste si manifestano nei neonati sul cuoio capelluto, sulle guance, mentre negli adulti si concentrano sul viso, nelle mani e nei piedi e nella parte alta della schiena.

A seconda del tipo specifico di dermatite atopica, i sintomi e i segni dell’eczema possono includere:

  • vesciche che possono rompersi, trasudare e diventare squamose
  • sviluppo di tagli e crepe nella pelle causate da un’eccessiva secchezza

A volte le crepe nella pelle possono portare a infezioni batteriche da Staphylococcus aureus, un batterio che si trova su un’alta percentuale di pelle anche di adulti sani, ma che innesca una risposta infiammatoria in individui sensibili.

Sintomi come prurito o desquamazione tendono ad andare e venire, causando periodicamente riacutizzazioni in risposta a fattori come lo stress e la bassa funzione immunitaria.

Trattamenti convenzionali per eczema e dermatite atopica

Al momento non esiste una cura vera e propria per l’eczema, ma solo modi per aiutare a gestire i sintomi.

I dermatologi raccomandano di pulire delicatamente la pelle interessata, evitando prodotti irritanti.

I trattamenti normalmente includono una combinazione di unguenti o creme, saponi e shampoo per pelli sensibili, e creme steroidee.

Queste ultime aiutano a ridurre l’infiammazione, il prurito o il gonfiore, ma non sono immuni da effetti collaterali e non possono essere utilizzate da tutti.

Trattamenti naturali contro la dermatite atopica

1. Non grattarti

Il prurito causato dall’eczema può rendere molto gratificante grattarsi e procurarsi piccole ferite. 

Ma i graffi possono causare lesioni, ferite che consentono l’entrata e la prolificazione dei batteri.

Questo a volte causa infezioni, specialmente se il sistema immunitario è già indebolito.

È bene non grattarsi e applicare un unguento o un asciugamano umido sulla pelle asciutta, può impedirti di farlo.

Altri suggerimenti per proteggere la pelle includono evitare l’esposizione ai raggi UV, tenerla lontana da acqua molto calda o temperature molto secche e fredde.

2. Riduci il contatto con fonti allergiche

Cibo, fattori ambientali e prodotti per la cura della pelle possono causare reazioni allergiche che scatenano i sintomi dell’eczema. 

Le allergie possono essere innescate da:

  • saponi contenenti sostanze chimiche, lozioni, detergenti, disinfettanti, ecc.
  • polvere, polline, muffa, peli di animali domestici o detriti
  • alimenti che contengono additivi o conservanti (presenti specie nei prodotti confezionati)
  • glutine, latticini, crostacei o arachidi
  • alimenti infiammatori come lo zucchero e gli oli raffinati

Quale dieta per la dermatite atopica?

Dieta per dermatite atopica

Una dieta sana antinfiammatoria può aiutare a rafforzare l’immunità.

Vediamo cosa puoi mangiare se sei affetto da psoriasi e quali sono i migliori cibi antinfiammatori e le abitudini da introdurre nella tua routine:

  • Proteine animali e vegetali: carne bianca, carne rossa (a parte un primo periodo di detossificazione), pesce, uova, semi di chia e canapa, formaggi di capra da latte crudo (una o due volte la settimana), legumi come lenticchie e fagioli mung o azuki (una o due volte alla settimana).
  • Verdure, soprattutto a foglia verde, cotte leggermente con spezie.
  • Grassi di buona qualità (ghi, olio di coccoolio extravergine di oliva) per facilitare l’assorbimento dei minerali e aiutare il fegato a decongestionarsi; da aggiungere a proteine e verdure.
  • Piccole quantità di semi oleosi precedentemente ammollati.
  • Prendi l’abitudine di bere tanta acqua calda. Questa ti purifica dalle tossine e ti aiuta ad avere meno fame, soprattutto nei periodi iniziali quando l’interruzione dell’assunzione di grano e carboidrati potrebbe causarti sintomi paragonabili a quelli di una crisi di astinenza.
  • Fondamentale è rinforzare la digestione masticando a lungo, evitando cibi crudi, consumando una cena vegetale e anticipata.

Si tratta, in definitiva, di consumare quanto più possibile cibo semplice e sano: grandi quantità di verdure fresche e biologiche, grassi sani e porzioni moderate di proteine ​​di alta qualità, così come insegniamo nel SAUTÓN Approach.

In particolare non dovrebbero mancare sulla tua tavola questi alimenti:

 – Acidi grassi Omega 3

Sono contenuti in salmone selvaggio dell’Alaska, sardine, acciughe e aringhe.

Questi grassi sono particolarmente utili in caso di artrite psoriasica poiché il corpo trasforma gli Omega 3 in prodotti chimici anti-infiammatori ed in più rafforzano il sistema immunitario.

– Verdure a foglia verde

Come spinaci e cavoli.

Sono ricche di Vitamina K e possono aiutare a ridurre i marcatori infiammatori nel sangue.

Dermatite atopica: cibi da eliminare

Vanno eliminati tutti gli alimenti che infiammano: tutti i prodotti raffinati, gli zuccheri, il latte e i derivati, il pomodoro.

Poi succo di arancia, caffè, cioccolata, vino, alcolici, miele, cibi fermentati, arachidi, peperoncino, zenzero, formaggi stagionati, salumi.

Elimina anche i legumi o comunque riducili a una volta la settimana, previo ammollo e cotti a lungo con spezie per renderli più digeribili.

Non eccedere neppure con i semi oleosi in quanto provocano infiammazione.

Supplementi per migliorare la funzione immunitaria

Gli integratori che potrebbero essere in grado di aiutare a controllare l’irritazione dell’eczema sono:

  • Probiotici: studi mostrano che gli integratori di probiotici possono avere effetti protettivi e preventivi quando si tratta di salute della pelle. Sono collegati a una migliore salute dell’intestino e alla funzione immunitaria, insieme ad altri fattori correlati come la diminuzione delle allergie
  • Acidi grassi Omega 3, aiutano a ridurre l’infiammazione
  • Antiossidanti (come le vitamine E, C e A), possono aiutare a prevenire i danni alla pelle, ridurre l’infiammazione e favorire la guarigione delle ferite
  • Vitamina D3,  aiuta a regolare le funzioni immunitarie 

Dermatite atopica e oli essenziali

Dermatite atopica e oli essenziali

Alcuni oli essenziali naturali, come l’olio essenziale di lavanda, che ha proprietà antinfiammatorie e lenitive, potrebbero aiutare a prevenire l’infiammazione della pelle sensibile.

Puoi preparare una crema fatta in casa combinando ingredienti idratanti e antibatterici come olio di lavanda, tea tree oil, miele grezzo, cocco o burro di karitè.

Conclusione

Al momento non esiste una cura vera e propria per la dermatite atopica, ma solo modi per aiutare a gestire i sintomi.

Uno dei modi migliori per arrivare alla radice del problema è attraverso una dieta sana, curativa e anti-infiammatoria come quella che proponiamo nel SAUTÓN Approach.

Per scoprire ricette facili, sane e gustose, scarica un menu giornaliero gratuito cliccando qui oppure visita la sezione Ricette del blog.

Alla dieta va affiancata una riduzione dello stress, una regolare attività fisica e prendersi cura della propria pelle evitando scottature, eritemi solari, graffi e possibili infezioni.


Leggi anche:

Pelle sana: cibi e rimedi naturali

Psoriasi: la guida definitiva

Acne: risolvila a tavola, senza farmaci


Prodotti che trovi in vendita nel nostro shop: