La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è uno dei disturbi endocrino-ormonali più comuni nelle donne e negli Stati Uniti è la causa più comune di infertilità.

Chiamata anche sindrome di Stein- Leventhal, è caratterizzata dalla presenza di cisti follicolari del diametro compreso tra 2 e 6 millimetri all’interno delle ovaie.

Alterazioni ormonali alla base dell’ovaio policistico

Sindrome ovaio policistico

Il sistema endocrino è molto complesso ed è costituito da una “rete” di ormoni profondamente interconnessi tra loro dove lo squilibrio di uno, trascina con sé tutti gli altri.

Normalmente le ovaie rilasciano una piccola quantità di ormoni sessuali maschili, estrogeni ed androgeni.

Nelle donne che soffrono di questa sindrome, le ovaie invece iniziano a produrne leggermente di più.

Questi ormoni in surplus non consentono la completa maturazione dei vari follicoli che si trasformano in micro cisti.

La mancanza di un’ovulazione continua crea una anovulazione cronica, l’assenza cioè del ciclo mestruale.

Andiamo più a fondo e chiediamoci perché avviene questa maggiore produzione di ormoni maschili?

Le ovaie sono iper stimolate a loro volta dall’ipofisi, una ghiandola che si trova nel cervello.

Nella sindrome dell’ovaio policistico, l’ovaio secerne una maggiore quantità di ormoni LH e una minore quantità di FSH rispetto alla norma.

Questo fa sì che alle ovaie arrivi il messaggio di produrre una maggiore quantità di ormoni maschili.

Sintomi della sindrome dell’ovaio policistico

I sintomi sono vari e si manifestano in modo diverso da donna a donna.

Possono comparire già nella pubertà con:

  • crescita precoce dei peli ascellari
  • lieve irsutismo
  • irregolarità del ciclo
  • perdite di sangue uterino
  • acne
  • segni di alopecia
  • sovrappeso o sottopeso
  • apnee notturne
  • aree di pelle scura e ispessite
  • cambiamento di umore
  • affaticamento

Conseguenze dell’ovaio policistico

La sindrome dell’ovaio policistico, se trascurata, ha ripercussioni sia sull’aspetto riproduttivo (con problemi di infertilità) sia sul piano metabolico.

Si possono verificare:

  • ciclo irregolare, compresa amenorrea (assenza di ciclo) e oligomenorrea (cicli in perenne ritardo)
  • irsutismo, con la crescita di peli in parti del corpo quali labbro superiore, basette, mento, dita dei piedi, attorno ai capezzoli
  • rischio di sindrome metabolica
  • diabete di tipo 2
  • problemi cardiovascolari e ipertensione
  • tumore dell’endometrio

L’obesità è tra i fattori di rischio?

Per molti anni si è creduto che l’obesità fosse un fattore di rischio per l’ovaio policistico.

Tuttavia, i medici sembrano concordare, sulla base di recenti ricerche, che se perdere peso è un modo importante per trattare naturalmente la sindrome dell’ovaio policistico, il peso stesso non è una causa diretta

Infatti, ci sono molte donne normo peso, o addirittura sottopeso, che sviluppano disturbi ormonali che portano poi alla sindrome dell’ovaio policistico.

Altri fattori di rischio sono:

Sonno, stress e ovaio policistico

Stress e ovaio policistico

Le donne con PCOS hanno maggiori probabilità di avere disturbi del sonno

Il sonno è fondamentale per la rigenerazione cellulare, la produzione di ormoni, il controllo dello stress e persino la gestione del peso.

Non dormire a sufficienza aumenta gli ormoni dello stress nel corpo, incluso il cortisolo, e modifica i livelli di ormoni che controllano il peso e l’appetito, comprese l’insulina e la grelina. 

Più siamo stressati, più avremmo probabilmente bisogno di dormire almeno sette ore ogni notte. 

Alcune donne con sindrome dell’ovaio policistico possono aver bisogno fino a nove ore di sonno continuativo.

Per riportare il cortisolo e gli altri ormoni legati allo stress ad una condizione di equilibrio, è sempre meglio vivere nel modo più sereno e tranquillo possibile.

Ovaio policistico e infiammazione

Recenti studi indicano che la sindrome dell’ovaio policistico è associata a un’infiammazione cronica di basso grado e che le donne con la sindrome dell’ovaio policistico sono a maggior rischio di steatosi epatica non alcolica.

Attualmente non esiste una “cura” nota per la sindrome dell’ovaio policistico.

La buona notizia è che ci sono molti modi naturali per trattare i sintomi e per bilanciare gli ormoni in modo naturale:

  • migliorare la tua dieta
  • gestire lo stress
  • assumere alcuni rimedi naturali

Quale dieta per l’ovaio policistico?

L’impatto che la nostra dieta ha sui nostri ormoni è piuttosto sorprendente.

Diverse sono le categorie di alimenti che creano uno squilibrio a livello ormonale o aumentano il livello di infiammazione generale.

Carboidrati raffinati e zuccheri

Se presenti quotidianamente sulla tavola, provocano fluttuazioni della glicemia e dell’insulina.

L’insulina è un importante ormone che controlla diversi processi nel corpo, un ormone che, come un direttore d’orchestra, ne dirige vari altri.

A volte le nostre cellule smettono di rispondere all’insulina come dovrebbero.

Questa condizione è chiamata resistenza all’insulina ed è molto diffusa.

Squilibri a livello di questo ormone sono alla base di molte delle malattie moderne e tra i fattori di rischio nella sindrome dell’ovaio policistico.

Soia e prodotti derivati

La soia e i suoi derivati contengono composti biologicamente attivi chiamati isoflavoni che funzionano come fitoestrogeni.

Gli isoflavoni sono classificati come interferenti endocrini, sostanze chimiche che interferiscono con la normale funzione degli ormoni nel corpo.

Se soffri di ovaio policistico, meglio evitare prodotti a base di soia come latte, yogurt, tofu.

Dovresti stare alla larga anche da altri alimenti che favoriscono l’infiammazione, vale a dire glutine, caffè, alcool e pomodori.

Latte, formaggi, farine raffinate favoriscono invece la formazione di cisti e fibromi.

Come variare la dieta

Se soffri di ovaio policistico, apportare cambiamenti nella dieta può essere molto utile.  

L’ideale è seguire un’alimentazione antinfiammatoria e provare ad invertire la rotta, nutrendoti in modo profondo e sano come insegniamo nel SAUTÓN Approach: proteine fresche, grassi sani e verdure cotte in modo delicato.

Sostituisci grassi sani ai carboidrati

Mangiare una varietà di cibi ricchi di grassi sani, è la chiave per tenere sotto controllo gli ormoni.

I grassi non sono solo elementi costitutivi fondamentali per la produzione di ormoni, ma mantengono bassi i livelli di infiammazione, aumentano il metabolismo e promuovono la perdita di peso.

I grassi sani hanno l’effetto opposto dei carboidrati raffinati, che provocano infiammazioni e possono compromettere l’equilibrio dei tuoi ormoni.

Via libera dunque a:

Invece evita oli ricchi di Omega 6 (olio di girasole, di mais, di colza).

Rimedi naturali per l’ovaio policistico

Rimedi naturali ovaio policistico

Ci sono anche modi naturali per trattare i sintomi dell’ovaio policistico che ti aiutano a bilanciare gli ormoni in modo naturale.

Uno di questi sono le piante adattogene, una classe unica di piante curative che:

  • promuovono l’equilibrio ormonale
  • proteggono il corpo da un’ampia varietà di malattie
  • aiutano a potenziare il sistema immunitario

Alcune hanno una funzione riequilibrante sugli ormoni sessuali femminili e possono rivelarsi utili nel trattamento dei sintomi della sindrome da ovaio policistico, bilanciando ed armonizzando il sistema ghiandolare ed ormonale.

Impiegate soprattutto nella medicina Ayurvedica e in quella Tradizionale Cinese, aiutano inoltre a contrastare affaticamento e debolezza.

Le principali sono:

Vitamina D e ovaio policistico

Tra il 67% e l’85% delle donne con sindrome dell’ovaio policistico sono carenti di vitamina D. 

Sebbene questa carenza non sia una causa diretta della sindrome dell’ovaio policistico, può contribuire a molti dei suoi sintomi come:

  • sensibilità all’insulina
  • obesità
  • bassi livelli dell’ormone LH
  • trigliceridi alti
  • infertilità

Oli essenziali e ovaio policistico

Un aiuto può venire anche dall’impiego degli oli essenziali come:

  • Olio di timo: migliora la produzione di progesterone, che aiuta a trattare o alleviare problemi di salute come infertilità, e sintomi legati all’ovaio policistico. È utile anche in menopausa, durante periodi di depressione, fibromi, perdita di capelli e insonnia. Per aiutare a bilanciare i tuoi ormoni in modo naturale, aggiungi 2 gocce di olio di timo nella vasca da bagno con acqua calda.
  • Salvia sclarea: aiuta a bilanciare i livelli di estrogeni perché contiene fitoestrogeni naturali. Serve anche come rimedio naturale per gli squilibri emotivi, come la depressione e l’ansia. Aggiungi 3-5 gocce di salvia sclarea in un diffusore, per bilanciare i livelli ormonali e alleviare lo stress.

Conclusione

La sindrome dell’ovaio policistico è un disturbo molto diffuso, responsabile di gran parte dell’infertilità femminile nel nostro mondo moderno. 

Ma la bella notizia è che è possibile invertire questa condizione in modo naturale a partire da una dieta antinfiammatoria e a basso contenuto di carboidrati come quella che proponiamo nel SAUTÓN Approach.

Scarica gratuitamente un menu giornaliero per scoprire gustose e facili ricette per ritrovare benessere, energia e vitalità.


Leggi anche:

Menopausa: la guida completa

Sindrome premestruale: come migliorare i sintomi

Endometriosi: sintomi e rimedi naturali


Prodotti che trovi in vendita nel nostro shop: