Quando avvertiamo mal di testa, attribuiamo subito la colpa ad un periodo di forte stress che stiamo vivendo o alla mancanza di riposo.

Raramente pensiamo che questo fastidioso disturbo derivi dalle nostre abitudini alimentari.

Infatti, il mal di testa può indicare che al nostro corpo manca qualcosa: bere più acqua, cambiare abitudini alimentari, fare una pausa dal lavoro o dalle incombenze quotidiane o ancora carenza di vitamine o di sostanze nutritive. 

Il peggio è che per porre fine alle “sofferenze” del mal di testa, si abusa di antidolorifici e aspirine che, a lungo andare, possono causare problemi di salute più gravi.

In questo articolo ti illustro i principali tipi di mal di testa, le cause e i rimedi naturali per liberartene.

Tipi di mal di testa

Tipi di mal di testa

Sono stati identificati più di 150 diversi tipi di mal di testa ma ecco i 5 più comuni: 

1. Mal di testa da tensione, anche detto da stress oppure mal di testa cronico quotidiano o cronico non progressivo. 

È il più comune fra adulti e adolescenti e genera un dolore da lieve a moderato.

2. Mal di testa a grappolo, è meno comune del precedente ma più grave poiché il suo dolore è intenso.

Questo tipo di fastidio può durare da un paio di settimane ad un paio di mesi. 

3. Sinusite, è il tipo di mal di testa generato a causa dell’infiammazione dei seni paranasali. 

Il dolore, in questo caso, si localizza sulle guance, sulla fronte e sul ponte del naso. 

La sinusite è spesso accompagnata da altri sintomi come naso che cola, febbre, pressione alle orecchie e gonfiore del viso. 

4. Emicrania, si verifica una o più volte al mese e può durare da poche ore a pochi giorni.

Spesso si accompagna ad altri sintomi come:

  • sensibilità alla luce, ai rumori o agli odori
  • nausea o vomito
  • perdita di appetito
  • mal di stomaco

5. Sindrome da cefalea mista, è un tipo di mal di testa che include i sintomi tipici dell’emicrania e del mal di testa da tensione. 

Cause e fattori di rischio del mal di testa

In genere, il mal di testa si verifica a causa di una combinazione di segnali nervosi inviati dai vasi sanguigni e dai muscoli della testa

Purtroppo, però, non è chiaro cosa causi l’attivazione di questi segnali. 

Tuttavia, le cause più comuni che possono condurre a mal di testa sono: 

  • malattie come infezioni dei seni paranasali, raffreddore, febbre o infezioni della gola
  • stanchezza e stress
  • affaticamento della vista o della schiena
  • fumo passivo di tabacco, odori di prodotti chimici o profumi
  • ereditarietà e familiarità
  • allergie alimentari
  • squilibri ormonali
  • carenza di vitamine o minerali

Girovita: un’altra causa del mal di testa

Questa associazione può sembrare strana, ma l’aumento del nostro girovita è direttamente proporzionale all’aumento del rischio di mal di testa cronici.

Negli ultimi anni, i ricercatori del Drexel University College of Medicine di Philadelphia, stanno lavorando e raccogliendo dati provenienti dall’analisi di oltre ventiduemila partecipanti di età compresa tra i 20 e 55 anni.

La ricerca sta evidenziando come il grasso addominale in eccesso sia associato ad un aumento significativo dell’emicrania che nelle donne si traduce in un 30% di probabilità in più.

Il grasso addominale si comporta come una vera e propria ghiandola ormonale.

Infatti, secerne sostanze pro infiammatorie che danno origine a numerose manifestazioni di infiammazione in tutto il corpo, emicranie comprese.

Eccesso di istamina nel sangue alla base dell’emicrania

L’istamina è una sostanza prodotta dalle cellule del sistema immunitario e dalle cellule nervose.

È anche un neurotrasmettitore, aumenta l’attività dei neuroni e stimola una sovra produzione di linfociti Th2 e dei mastociti.

Un eccesso di istamina nel sangue è la causa scatenante di allergie e intolleranze alimentari.

Inoltre, è causa di infiammazione cronica e di mal di testa in quanto induce la vasodilatazione.

Anche se l’organismo possiede enzimi per neutralizzare l’eccesso di istamina, il modo migliore per contrastare un’eccessiva produzione, è sempre quello di garantire una buona salute dell’intestino.

Anche limitare cibi ricchi di istamina può contribuire a tenere lontano il mal di testa: attenzione ai formaggi stagionati, al cioccolato, al miele e al vino, solo per citarne alcuni.

I 10 rimedi naturali contro il mal di testa

Rimedi naturali mal di testa

Sebbene prendere una medicina contro il mal di testa possa sembrarti la soluzione più immediata per porre fine al dolore, sappi che esistono tanti rimedi naturali, certamente più sicuri dei farmaci e altrettanto efficaci, che puoi considerare. 

1. Migliora la tua alimentazione

Consumare cibi sbagliati come zucchero e prodotti raffinati può contribuire all’insorgenza del mal di testa.

Ecco allora che un cambiamento nella tua dieta e nelle tue abitudini quotidiane può portare ad un rapido giovamento contro i sintomi del mal di testa. 

Prima di tutto, elimina alcool e fumo e bevi meno caffè possibile, soprattutto prima di andare a dormire (o, se puoi, eliminalo del tutto).

Evita spuntini zuccherini che portano ad un aumento di zucchero nel sangue ma anche alimenti riscaldanti come:

  • alimenti piccanti
  • pomodori
  • cioccolato
  • miele
  • arachidi
  • farinacei
  • salumi
  • tutti i cibi industriali.

Riduci il consumo di cibi troppo salati perché troppo sodio, specialmente quello contenuto nei cibi confezionati, può comportare disidratazione e quindi mal di testa.

Assicurati invece di seguire una dieta ricca di alimenti antinfiammatori che rilassano i muscoli e aiutano a tenere sotto controllo lo stress come: 

  • proteine (uova allevate a terra, pesce selvatico, carne nutrita con erba e preferibilmente biologica, formaggi crudi)
  • cibi ricchi di fibre (verdura, noci e semi che prevengono la stitichezza legata al mal di testa)
  • grassi sani che consentono all’intestino di rimanere idratato ed assorbire i sali minerali, fondamentali soprattutto nel caso di mal di testa da disidratazione (olio di cocco, olio extravergine d’oliva, MCT Oil, ghi, avocado).

Per lavorare sull’infiammazione, puoi assumere due capsule al giorno ai pasti di Epax Clean che depura il fegato e favorisce l’eliminazione delle tossine.

Aggiungi anche una capsula ad ogni pasto di MSM che, grazie all’alto contenuto di zolfo, favorisce un’intensa azione antinfiammatoria.

Per le loro qualità detossinanti, antiossidanti e antinfiammatorie sono utili anche Chlorella e Spirulina.

2. Mangia senza glutine

Secondo la National Foundation for Celiac Awareness, le persone con celiachia non diagnosticata e mal di testa emicranici vedono ridurre i sintomi di questo fastidio quando rinunciano al glutine

Anche chi ha sensibilità al glutine può provare ad eliminare il glutine per qualche tempo per vedere se si verificano dei miglioramenti nella frequenza ed intensità del mal di testa. 

Dopo aver reintrodotto il glutine, potrà capire se continuare o meno a mangiare il glutine. 

D’altronde un’alimentazione senza glutine è proprio l’approccio che utilizza un rinomato neurologo in America, David Perlmutter, che prescrive una dieta senza glutine e latticini ai suoi pazienti che lamentano mal di testa cronico.

Nella “Dieta intelligente” Perlmutter afferma che quando non si riesce ad individuare una causa precisa del mal di testa, 9 volte su 10 questa potrebbe celare proprio una sensibilità al glutine non diagnosticata.

Lo studio

Da una ricerca condotta nel 2012 da ricercatori del Columbia University Medical Center di New York (1) è emerso che, nel gruppo di studio, il mal di testa cronico colpiva:

  • il 56% delle persone sensibili al glutine, pur essendo risultate positive al test della celiachia
  • il 30% delle persone affette dal morbo celiaco
  • il 23% delle persone che soffrivano di infiammazione cronica a livello intestinale
  • il 6% delle persone sane appartenenti al gruppo di controllo

Questi dati indicano come eliminando il glutine dalla propria dieta si possa ridurre la frequenza del mal di testa ed in molti casi assistere alla sua scomparsa totale.

È ciò che afferma la responsabile della ricerca, la Dottoressa Alexandra Dimitrova.

Lo stretto legame tra glutine e mal di testa non è sfuggito nemmeno ad Alessio Fasano, gastroenterologo pediatrico di fama mondiale e fondatore del centro di ricerca per celiaci presso il Massachussets General Hospital for Children.

L’emicrania infantile, infatti, è in netto aumento.

Non è un caso che molti dei bambini che soffrono di mal di testa cronici, siano anche sensibili al glutine e che, adottando una dieta gluten free, i sintomi spariscano.

Uno studio condotto su 88 bambini celiaci con mal di testa ha evidenziato come, adottando una dieta senza glutine, il 77,3% di essi abbia registrato un notevole miglioramento.

Di questi, il 27,3% non presentava più alcun sintomo se perseverava nella dieta. (2)

Lo stesso studio, condotto da ricercatori italiani, ha rilevato inoltre, come il 5% di bambini che soffrivano di mal di testa e che apparentemente non erano celiaci, in realtà lo fossero.

3. Prenditi cura del tuo fegato e del tuo intestino

Oltre all’infiammazione, altre cause del mal di testa possono essere un fegato congestionato, un intestino disbiotico e lo stomaco bloccato. 

Puoi depurare il fegato e ripristinare la naturale microflora e motilità dell’intestino, utilizzando alcuni integratori come: 

  • Zym, che migliora l’assorbimento dei nutrienti e ne facilita la digestione, da assumere mezz’ora prima dei pasti principali
  • Flora, che favorisce la rigenerazione della flora batterica intestinale, da assumere una capsula a colazione
  • Fibre di psillio, promuovono la regolarità e la permeabilità intestinale, da assumere 1 cucchiaino per circa 300 ml di acqua, infuso, latte di cocco o mandorla, minestra di verdura (una volta al giorno).

Per l’intestino disbiotico molto utile può essere una cura antiparassitaria naturale fatta con: Ossipur, Aglio in gocce o Tenafer, da effettuare anche periodicamente a scopo preventivo.

4. Contro il mal di testa bevi più acqua

Uno studio condotto presso il National Hospital for Neurology and Neurosurgery ha concluso che esiste effettivamente un nesso fra mal di testa e disidratazione.

Il mal di testa dovuto alla mancanza di acqua comporta anche mancanza di concentrazione e irritabilità. (3)

Quindi l’idratazione è fondamentale per tenere lontano il mal di testa ma non tutte le bevande contribuiscono a questo scopo: infatti il consumo di caffè, bevande zuccherate e alcool può peggiorare il mal di testa.

Per rimanere idratati, oltre al consumo di grassi sani, basterà semplicemente bere almeno due litri di acqua calda al giorno, lontano dai pasti, per avere subito più energia e scongiurare il rischio di mal di testa. 

Puoi idratarti anche assumendo verdure che contengono tanta acqua, come: 

  • cetrioli
  • sedano
  • ravanelli
  • cavolo
  • zucchine
  • cavolfiori
  • spinaci.

Puoi trovare spunti per gustose ricette di verdure e molto altro, consultando la sezione ricette del mio blog.

5. Assumi magnesio e altri integratori

Si è notato che le persone che hanno bassi livelli di magnesio, soffrono spesso di forti mal di testa. 

Da diversi studi si evince che assumere 200-600 mg di magnesio al giorno può aiutare a ridurre la frequenza di attacchi di emicrania. (4)

Il magnesio può essere usato anche dalle donne in gravidanza ma attenzione al sovradosaggio che può comportare, come effetto collaterale, diarrea.

Un altro modo per integrare il magnesio è assumere cibi che lo contengano vale a dire semi, noci e verdure come broccoli, zucca e verdure a foglia verde.

Oltre al magnesio, nel caso di mal di testa da acidità e disidratazione, altri minerali da integrare sono il selenio o i sali di potassio.

Anche l’erba di grano è portentosa per via della sua profonda azione rinfrescante antinfiammatoria.

Nel caso di mal di testa articolare, puoi assumere la Belladonna 6ch granuli (3 sotto la lingua ogni ora fino a scomparsa dei sintomi) e Arnica compositum heel (una compressa sotto la lingua ogni due ore).

Infine, per l’emicrania, il mal di testa cronico o il mal di testa da tensione puoi assumere Relax (una compressa durante la giornata al bisogno).

6. Integra con le vitamine del gruppo B

Insieme agli integratori visti, possono aiutarti contro il mal di testa anche le vitamine del gruppo B.

Queste infatti contribuiscono alla formazione dei neurotramettitori, come la serotonina, di cui possono essere carenti coloro che soffrono spesso di emicrania. 

Le Vitamine del complesso B (tiamina, riboflavina, niacina, Vitamina B6, folato, Vitamina B12, biotina e acido pantotênico), migliorano: 

  • cellule cerebrali
  • circolazione
  • funzione immunitaria
  • salute cardiovascolare.

In particolare, la Vitamina B2 può ridurre la frequenza e la durata dell’emicrania mentre la Vitamina B3 calma il mal di testa aprendo i vasi sanguigni per aumentare il flusso sanguigno.

7. Usa gli olii essenziali

Gli olii essenziali trattano in modo sicuro ed efficace il mal di testa arrivando alla radice del problema invece di ridurre temporaneamente il dolore. (5)

Inoltre, danno sollievo, aiutano la circolazione e riducono lo stress. 

Esempi di oli essenziali portentosi contro il mal di testa sono l’olio di lavanda e di rosmarino che alleviano il dolore e la tensione e possono essere usati, ad esempio, per il mal di testa e gli attacchi di emicrania che si verificano nelle donne durante la sindrome premestruale o a causa di squilibri ormonali

Una goccia di olio di rosmarino può essere aggiunta ad acqua, the o zuppa, in caso di mal di testa o emicrania

Il mal di testa da stress può essere alleviato anche con l’olio essenziale alla menta peperita che, per via delle sue proprietà rinfrescanti, riesce ad inibire le contrazioni muscolari e a stimolare il flusso sanguigno sulla fronte, se applicato localmente. (6)

Si possono diluire due o tre gocce di olio essenziale alla menta peperita con olio di cocco da strofinare su spalle, fronte e nuca per avere subito sollievo immediato.

Tutti questi olii essenziali possono essere usati per massaggi sulle tempie o sulla nuca nel caso di emicrania

Nel caso di mal di testa da tensione, oltre all’olio essenziale alla menta peperita si può usare anche quello di eucalipto che, con la sua funzione espettorante aiuta ad aprire le vie aree e nasali, eliminando la pressione del seno paranasale che può portare al mal di testa. 

Va applicato su tempie, fronte e polsi oppure si possono aggiungere 5-10 gocce ad un bagno di acqua tiepida. 

Infine, nel caso di sinusite, può essere applicato sul petto, sulla parte superiore del naso o sulle tempie per alleviare la tensione dei seni paranasali.

8. Previeni il mal di testa con un bagno rilassante

Fare un bagno rilassante aiuta a liberare il tuo corpo dalle tossine ed è una delle migliori prevenzioni che puoi fare contro il mal di testa. 

Per ridurre maggiormente la tensione, puoi aggiungere all’acqua per il bagno caldo una tazza di bicarbonato di sodio che uccide i batteri e lascia la pelle pulita.

Puoi anche aggiungere qualche goccia di olio essenziale che, con le sue proprietà calmanti e lenitive, aiuta a liberare il corpo da ogni tensione.

9. Fai movimento

Spesso stare seduti tanto tempo alla scrivania o al computer o mantenere a lungo una certa posizione, fa aumentare le tensioni nel corpo e, di conseguenza, questo può provocare l’insorgenza del mal di testa. 

Anche trascorrere molto tempo curvi con lo sguardo sullo smartphone, può causare mal di testa da tensione. 

Quindi, ogni 30-60 minuti, è consigliabile allungare la testa e il collo con un movimento circolare per alleviare lo stress accumulato. 

Anche lo yoga e fare stretching aiutano a schiarire la mente e a sciogliere i muscoli.

10. Migliora il tuo riposo

Tante volte il mal di testa può essere causato dalla stanchezza o dallo stress accumulatosi.

Per questo, può essere utile riposare o sedersi in una stanza buia, chiudendo gli occhi per alleviare i sintomi e la tensione a collo, schiena e spalle. 

Altri rimedi naturali contro il mal di testa

Massaggi mal di testa

Molte persone trovano giovamento contro il mal di testa facendo degli impacchi di acqua, fredda nel caso di emicrania e calda nel caso di mal di testa da tensione. 

In alternativa, si può provare a fare in casa dei massaggi muscolare utili per alleviare e ridurre la tensione. 

Nel caso di mal di testa da stress, si può provare un rilassante massaggio alle tempie con il ghi.

Anche la riflessologia, un’antica arte curativa della medicina tradizionale cinese che consiste nel massaggiare le dita o altri punti dei piedi, può favorire la guarigione dal mal di testa.

I quattro punti in cui fare pressione sono: 

  • l’area tra alluce e secondo dito; 
  • entrambi i piedi (nel caso di dolore su entrambi i lati della testa); 
  • il bordo esterno della parte superiore del piede (nel caso di mal di testa che va dal lato della testa fino alla fronte);
  • parte superiore degli alluci, sotto l’unghia del piede fino alla base dell’alluce (per alleviare la sinusite). 

Utili contro il mal di testa possono essere delle sedute di chiropratica oppure di agopuntura

Secondo uno studio, il 22% di coloro che si sono sottoposti a manipolazioni chiropratiche ha riportato una riduzione del mal di testa di oltre il 90% mentre il 49% ha riferito di aver visto ridotta l’intensità del mal di testa. (7)

Conclusione

Anche se non è facile pensare che il nostro stile di vita e la nostra alimentazione possano essere la causa principale del nostro mal di testa, dovremmo sforzarci di ricordarcene. 

Invece di ricorrere al primo medicinale che ci capita fra le mani, fare dei semplici cambiamenti nella nostra alimentazione e nelle nostre abitudini può fare, anche in questo caso, la differenza per liberarci di questo fastidioso disturbo. 

Quindi:

  • rispetta un buon ciclo di sonno-veglia
  • fai attività fisica
  • tieni sotto controllo lo stress
  • smetti di fumare e di consumare alcolici e caffè
  • bevi almeno due litri di acqua calda al giorno
  • segui un’alimentazione antinfiammatoria come quella che proponiamo nel SAUTÓN Approach

Se vuoi un esempio di menu giornaliero con ricette gustose e facili da preparare che ti diano energia, buonumore e tengano lontano i sintomi del mal di testa, scarica gratuitamente un menu giornaliero cliccando qui.


Fonti:

DrAxe.com

PubMed


Leggi anche:

Malattie stagionali: come difenderti con l’alimentazione e i rimedi naturali

Sindrome premestruale: come migliorare i sintomi

Infiammazione: 10 sintomi che non devi ignorare (video)


Prodotti che trovi in vendita nel nostro shop: