Quando senti per la prima volta parlare di acqua calda, ti sorgono spontanee tantissime domande ed obiezioni.

Ma perché la temperatura dell’acqua dovrebbe essere così importante?

Hai fatto la scoperta dell’acqua calda, ma dai, ma davvero ci credi?

Io no!

Ma davvero solo acqua calda?

Ma è sgradevole!

Vorrei proprio che tu mi dessi delle prove scientifiche che berla quotidianamente faccia davvero bene.

E poi la domanda delle domande: va bene, se insisti proverò a farlo, ma ovviamente smetterò in estate perché non mi dire di bere acqua calda sotto il sole, meglio morto!

Ma allora in estate come dobbiamo bere?

L’acqua calda è adatta all’estate?

Scopriamolo insieme…

L’acqua calda è adatta all’estate?

Noi siamo fatti di acqua e l’acqua ci serve per funzionare.

Due dei nostri organi principali che sovrintendono a nutrimento e detox (fegato e reni) hanno bisogno di diversi litri di acqua quotidiani, per cui senza acqua non possiamo vivere.

Senza cibo possiamo sopravvivere anche 60 giorni, ma senza acqua solo pochissimi giorni.

Quello che le medicine antiche, Ayurvedica e MTC, hanno scoperto, è che il nostro corpo non va solo ad acqua, ma che questa acqua deve essere anche ad una certa temperatura per essere utilizzata, cioè l’acqua deve essere calda affinché agisca nel corpo e, se noi la beviamo a temperatura ambiente o addirittura fredda, il corpo deve impiegare la sua centralina di calore per riscaldarla.

Questa centralina, che ha sede nei reni, come ogni caldaia che si rispetti, richiede energia per funzionare e, se per ogni bicchiere che bevi devi sempre azionarla, hai un incredibile spreco di energia.

E l’energia in dotazione nel corpo non è infinita: puoi impiegarla per riscaldare ciò che ti diverti a bere freddo ma poi ne avrai meno a disposizione per pensare, digerire, attivare le tue difese, correre e trottare tutti i giorni, per esempio.

Quindi bere acqua calda tutti i giorni è un sistema a costo zero per riattivare corpo, digestione e detox, sconfiggere il freddo esterno ed idratare in profondità. 

E in estate?

Vale la stessa cosa?

E come posso bere acqua calda sotto l’ombrellone quando sono abituato a sognare the freddo o birra ghiacciata?

Ora la scoperta incredibile che fai quando bevi regolarmente acqua calda da tempo, come me che ormai la bevo da più di venti anni, è che l’acqua calda ti rende “termicamente flessibile”, cioè ti consente di adattare meglio la tua temperatura interna a quella esterna, facendoti sopportare meglio il freddo esterno in inverno e il caldo interno in estate.

Quando è inverno, bevendo acqua calda, il corpo risparmia energia ed ha i sistemi interni e soprattutto i reni ben al caldo e questo porta un benefico senso di calore diffuso che promuove più calore anche verso le estremità (piedi e mani) e minore sensibilità agli sbalzi termici.

In estate, al contrario, il caldo interno sprigionato dalla bevanda calda, fa immediatamente uscire o evaporare l’eccesso di caldo interno (causato dall’esposizione al caldo esterno) per cui, quando beviamo caldo in estate, dopo un istante di calore ci sentiamo pervadere di fresco, come se fossimo esposti ad aria condizionata o ad un leggero venticello.

Se invece beviamo bevande ghiacciate, il freddo che arriva dall’esterno porta i nostri organi interni e la centralina di calore ad accendersi per riportare il corpo alla sua naturale temperatura e questo, dopo un istante di freddo apparente, si tramuta in un caldo soffocante che ci fa sognare bevande ghiacciate e aria condizionata.

E sbuffare tutto il giorno lamentandoci per il caldo.

E lo sanno bene le popolazioni del deserto o che vivono all’equatore che bevono sempre bevande calde per tenersi freschi.

Prova anche tu questa estate il clamoroso segreto delle rinfrescanti bevande calde come infusi di menta e karkadè e vedrai la differenza e incuriosisci tutti bevendo acqua calda dal tuo thermos e mantenendo una meravigliosa temperatura che non ti fa boccheggiare.

Devi solo provare…

Leggi anche:

I 10 benefici dell’acqua calda

Bere acqua calda: chiarimenti e consigli pratici

Le 20 abitudini che influenzano digestione e metabolismo