Le proteine sono un argomento controverso nelle diete chetogeniche!

Dato che anche le proteine stimolano in modo ridotto l’insulina, chi segue l’approccio keto in modo rigido, le riduce, andando incontro a diversi problemi.

Qual è il problema?

Il timore è che il corpo trasformi le proteine che assumiamo in zuccheri attraverso un processo spontaneo chiamato gluconeogenesi, attività operata dal fegato se il corpo ha bisogno di zuccheri che non riceve dal cibo.

  1. Questa è un’operazione sana e indolore per il corpo, che effettua solo “a richiesta” e non automaticamente per tutte le proteine assunte, quindi non va mai in accumulo.
  2. In realtà, quando siamo dei bruciatori di grassi, il nostro corpo usa i chetoni come carburante principale da cui ricavare tutta l’energia per vivere.
  3. Sono davvero poche le cellule che non possono usare chetoni per vivere, per esempio i globuli rossi o alcune cellule cerebrali. Il loro fabbisogno può essere garantito dalla gluconeogenesi, appunto, trasformando a costo zero parte delle proteine e dei grassi assunti in zuccheri di buona qualità.
  4. Il punto principale è che le proteine sono fondamentali per un’infinità di processi biologici, non devono essere tante ma devono essere presenti ogni giorno e, se tu non le mangi, il tuo corpo si procura ciò che gli occorre intaccando i tuoi depositi proteici situati nei muscoli. E questa è una pessima cosa.

Quindi ricordati di seguire sempre le linee guida del SAUTÓN Approach.

Come calcoli il tuo fabbisogno proteico?

Moltiplichi il tuo peso per 0,6-0,8 g (se sei una persona sedentaria) e  0,9-1,2 g (se sei una persona attiva).

Il numero che ottieni sono i grammi di proteine che il tuo corpo richiede ogni giorno. 

Per calcolare poi quanti grammi di alimenti proteici devi mangiare per raggiungerli, controlla le tabelle del contenuto proteico di ogni alimento.

Clicca qui per scaricare la tabella.


Leggi anche:

Dieta chetogenica: la guida definitiva

4 motivi per mangiare proteine ogni giorno (video)

Carenza di proteine: i 4 sintomi, i rischi e la soluzione (video)