Se hai scoperto che sei intollerante al glutine, il più delle volte purtroppo cosa fai?

Elimini il glutine dalla tua vita ed inizi a saccheggiare tutti i reparti del “senza glutine” dei supermercati e delle farmacie, cominciando a sostituire pane, pasta e biscotti normali con prodotti che non contengano glutine ma che siano il più possibile simili a ciò che non puoi più consumare.

E credi così di aver risolto il problema.

Ora ti spiego perché non solo non è una soluzione ma rischi di peggiorare le cose!

Per prima cosa, devi comprendere che la tua sensibilità o intolleranza al glutine è in realtà un problema di infiammazione e di forte disturbo del sistema immunitario.

Solo calmando il sistema immunitario (dandogli una tregua) e ricostruendo l’equilibrio del tuo microbiota intestinale (guarendo disbiosi e scacciando parassiti e candida spesso presenti) puoi risolvere davvero le cose.

Se ignori questo punto, non potrai mai migliorare la tua intolleranza e i sintomi si ripresenteranno.

Il secondo punto importante è comprendere che usare i prodotti senza glutine al posto di quelli con glutine ti fa cadere dalla “padella nella brace”, e che consumare regolarmente questi prodotti è il più grande errore che puoi fare per la tua salute.

Perché?

Perché questi prodotti, per assicurarti gusto e consistenza, contengono ogni possibile ingrediente ed additivo tossico che l’industria alimentare abbia mai utilizzato, spesso riuniti tutti insieme:

  • zucchero raffinato
  • farine ad altissimo impatto glicemico, super raffinate come di riso e mais
  • grassi trans modificati (margarine e olio di colza)
  • addensanti industriali
  • emulsionanti
  • lieviti di ogni genere

Guarda le etichette e inorridirai!

E quello che succede è che, se li mangi ogni giorno, inizi ad essere costantemente sotto picco glicemico, la fame aumenta, la disbiosi precipita, aumenti di peso e l’infiammazione irrisolta prosegue il suo corso.

Con accumulo di grasso viscerale, fame costante e stanchezza.

I prodotti senza glutine sono un autentico veleno e non risolvono il tuo problema (anzi, alla lunga, lo peggiorano).

La strategia vera per uscirne c’è e si chiama Restart, un detox completo di 28 giorni che elimina l’infiammazione e regolarizza il tuo intestino, applicando un regime ben bilanciato con proteine, vegetali e grassi sani e privo di carboidrati, zuccheri, derivati del latte, legumi, frutta, caffè e alcool.

Se vuoi, qui puoi scaricare gratuitamente un menu giornaliero per cominciare con facilità: contiene ricette facili, sane e gustose da preparare.

Oppure puoi fare il detox con la mia guida nell’Online Program: clicca qui per saperne di più.

Accanto a questo, se hai forti disturbi intestinali, devi occuparti in profondità del tuo intestino.

Quindi parti dall’effettuare una cura antiparassitaria.

Puoi usare per esempio il Rimedio 32 della Villa Labor o Tenafer con aglio del Dott. Giorgini (tutti reperibili in farmacia).

E poi assumi probiotici per un tempo lungo.

Il tutto unito ovviamente a questo importante momento di detox chiamato Restart.


Leggi anche:

Il glutine fa male? La verità, gli studi e le alternative

Microbiota intestinale: cos’è e come prendersene cura

La verità sull’intolleranza al glutine (video)