Consideriamo la salute delle nostre ossa lo specchio della nostra età e ci sembra ovvio perderla per strada con il passare degli anni.

Il problema è che questa età diventa sempre più ininfluente e oggi iniziamo ad avere i primi dolori a venti anni e sintomi di infiammazione o fibromialgia già verso i trentacinque!

In realtà ossa ed articolazioni sono lo specchio della nostra salute, possiamo garantirci che siano forti e reggano l’urto della nostra vita intensa, seguendoci e collaborando con noi, solo se mettiamo in campo una strategia d’azione efficace.

Ecco 4 cose che devi sapere e su cui intervenire, anche e se questo è già un problema per te.

1. Infiammazione

Quando hai problemi ad ossa e articolazioni quello che devi comprendere è che questo è uno dei sintomi più chiari e diretti che stai soffrendo di infiammazione, cioè una condizione cronica di alterazione delle funzioni delle tue cellule. 

Le tue cellule stanno ricevendo il carburante sbagliato, e a lungo andare consumare zucchero più volte al giorno (sotto forma di farine, dolci, prodotti da forno e cereali) le sta affamando e riempendo di tossine. 

Un disturbo che nasce dall’intestino, con un microbiota in sofferenza e che arriva a tutti i sistemi principali. 

Se provi a toglierlo per un tempo ragionevole, i tuoi sintomi vanno via via migliorando, i dolori si attenuano all’istante e l’infiammazione passa. 

Sospendili per 28 giorni e vedrai già grandi risultati.

2. Minerali

minerali sono il punto chiave, ne hai un grandissimo bisogno e, se ti mancano, ossa e articolazioni ne risentono.

Allora pensi di doverti riempire di calcio perché credi che ti manchi, in realtà i minerali non sono il vero problema, ma è il meccanismo di assorbimento e distribuzione che è disfunzionale

I minerali sono preziosi ma ancor di più lo sono i GRASSI

Perché se ne sei privo, più minerali avrai e peggio sarà perché non li utilizzerai laddove servono ma finiranno per accumularsi nei tessuti molli creando ispessimento, rigidità e malattia. 

Quindi per ogni minerale o vegetale che assumi, ricordati di consumare cucchiaini di grassi saturi che ti consentiranno di utilizzarli. 

Questo è vero anche e soprattutto per la VITAMINA D, che va assunta in dosi ragionevoli e non esagerate ma costantied inserita in una dieta sana che preveda proteine, vegetali e grassi.

3. Acidità

Sono i ladri silenziosi, quelli di cui ti devi preoccupare, quelli che creano una costante acidità nel corpo che necessita di essere tamponata. 

E come può farlo il tuo corpo? Utilizzando le tue preziose riserve di minerali. 

E chi sono i ladri silenziosi? Zucchero e latte, questi sono veri e propri consumatori delle tue riserve di minerali, e il corpo le mette in circolo per tamponare l’acidità scatenata dallo zucchero

La loro acidità è profonda ed immediata, il consumo purtroppo quotidiano e il bisogno sempre più acuto. 

Sospendili se hai dolori e stanne totalmente lontano se soffri di un indebolimento cronico e vedrai molte buone cose accadere.

4. Movimento

Quello che sembra il tuo nemico è in realtà la più importante assicurazione di un sistema osseo e articolare che ti accompagni fino alla vecchiaia senza cedimenti. 

Più ti fermi, sei sedentario e smetti di muoverti su base regolare, e più fermi la rigenerazione cellulare. 

Se ti muovi dai al tuo corpo il messaggio che ossa ed articolazioni ti servono e che quindi sono un luogo dove impiegare energie e sostanze nutritive, che il ricambio cellulare va operato ogni giorno e in modo ottimale. 

Se sei fermo le ossa smettono di rinnovarsi e piano piano più sei sedentario e meno forza avrai nel corpo. 

Quindi riscopri la gioia di muoverti regolarmente attraverso le camminate, passeggiate all’aria aperta, sedute in palestra o app a casa. 

Ovviamente e soprattutto attività che promuovano la flessibilità, il giusto respiro e potenzino la forza ma in modo bilanciato.


Altri articoli che ti potrebbero interessare:

La guida definitiva allo zucchero: rischi, dipendenze e soluzioni pratiche

La guida definitiva ai grassi sani nella dieta

I 7 benefici di una dieta senza latticini e le 5 migliori alternative al latte