Ci sono diversi motivi per cominciare a introdurre gli asparagi nella tua dieta, tra cui la straordinaria concentrazione di nutrienti, il gusto e l’effetto benefico sull’intero sistema.

Di natura leggermente riscaldante, dal sapore amaro e un po’ pungente, gli asparagi sono coltivati in Europa, Africa e Asia.

Nella medicina tradizionale cinese i tuberi degli asparagi venivano utilizzati per tonificare i fluidi dei reni e inumidire i polmoni.

Gli asparagi e il contenuto di folato

Gli asparagi sono una delle migliori fonti vegetali di folato, che aiuta il corpo a costruire i globuli rossi e il materiale genetico.

Il folato aiuta il tuo corpo a produrre dopamina, serotonina e norepinefrina, che è il motivo per cui gli asparagi sono uno dei vegetali “che danno buonumore”.

Il folato è anche essenziale per il metabolismo delle proteine, la crescita e la divisione cellulare e per il sano sviluppo di feto e placenta (per questo il folato è consigliato in gravidanza).

Gli asparagi contengono glutatione e rutina

Gli asparagi contengono anche glutatione, un importante disintossicante e anti-cancerogeno, che aiuta a neutralizzare i radicali liberi.

Il glutatione neutralizza i metalli pesanti e le tossine dal corpo, fa sì che i mitocondri continuino a pompare energia in modo efficiente e rallenta l’invecchiamento aumentando la tua energia.

Inoltre contengono rutina, che rinforza i capillari proteggendoli dalla rottura e dagli effetti dannosi delle radiazioni.

Gli asparagi contengono vitamine e minerali

Gli asparagi sono anche un’ottima fonte di vitamine A, C ed E, potassio e zinco.

Il potassio è un minerale che promuove le funzioni di tutte le cellule e i tessuti nel corpo. Come elettrolita, aiuta a mantenere l’equilibrio dei fluidi all’interno delle cellule e nell’ambiente che le circonda. Normali livelli di potassio sono cruciali per l’attività del sistema nervoso e cardiovascolare.

La vitamina A contribuisce alla regolazione dell’espressione dei geni e di una buona vista. Contribuisce anche alla salute e alle funzioni del sistema immunitario e al normale sviluppo dei globuli rossi.

Gli asparagi fanno bene alla digestione

Gli asparagi sono un vero e proprio “superfood” per la salute della digestione, fornendo fibre insolubili e solubili assieme all’inulina, un prebiotico che funziona come cibo benefico per i batteri intestinali.

Gli asparagi promuovono la salute dei reni

Gli asparagi contengono il composto diuretico asparagina, che è il motivo per cui aiutano ad eliminare acqua dai reni.

Possono quindi aiutare a disfarsi di eccesso di sale e liquidi e sono benefici per le persone con edema e per prevenire la formazione di calcoli.

Tuttavia il National Institutes of Health raccomanda alle persone che già soffrono di calcoli renali di evitarli. E la medicina tradizionale cinese raccomanda di non abusarne se hai infezioni delle vie urinarie.

Quindi sono utili per trattare diversi problemi renali, ma non bisogna esagerare nel consumo per non avere l’effetto opposto.

Gli asparagi bilanciano i livelli di insulina

Studi hanno evidenziato che gli asparagi sono in grado di bilanciare i livelli di insulina e questo li rende efficaci nel contrastare il diabete.

In uno studio pubblicato nel 2011 sul British Journal of Nutrition si parla della capacità degli asparagi di migliorare la secrezione di insulina e la funzionalità delle cellule Beta. Le cellule Beta sono le uniche cellule del pancreas che producono, conservano e rilasciano insulina.

Gli asparagi possono aiutare ad abbassare la pressione alta

(Da Mercola.com) Per trattare la pressione alta di solito vengono prescritti inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE).

Questi lavorano bloccando un enzima necessario per produrre una sostanza che restringe i vasi sanguigni.

I medicinali ACE-inibitori aiutano i vasi sanguigni a rilassarsi e ad allargarsi, cosa che porta il sangue a scorrere più agevolmente e che abbassa quindi la pressione sanguigna (1).

Il problema di questi inibitori è il loro potenziale di generare effetti collaterali, tra cui un improvviso guasto dei reni, fatale nel 30% delle persone che ne sono affette (2).

Possono anche presentarsi un aumento dei livelli di potassio, che può portare a seri problemi cardiaci, una funzionalità sessuale inefficiente, vertigini, mal di testa, fatica, danni al fegato e depressione.

Di recente i ricercatori hanno scoperto la presenza di un naturale ACE-inibitore negli asparagi e pare che sia utile per abbassare la pressione sanguigna. Lo studio ha rivelato un nuovo metabolite contenente zolfo conosciuto come asparaptina nei germogli degli asparagi.

Il composto agiva come un “nuovo ACE-inibitore”, secondo lo studio (3).

Inoltre, ricerche antecedenti pubblicate sul Journal of Agricultural and Food Chemistry ha evidenziato che quando i ratti venivano nutriti con una dieta che conteneva il 5% di asparagi per 10 settimane, la loro pressione sanguigna sistolica calava significativamente a differenza di quella dei ratti che non facevano la dieta con asparagi (4).

I ricercatori hanno anche notato una diminuzione dell’attività dell’enzima ACE e credono che anche un altro composto negli asparagi, 2-hydroxynicotianamine, potrebbe agire come ACE-inibitore (5).

Il gruppo che mangiava asparagi aveva anche un aumento del tasso di rimozione della creatinina, che è una misura della qualità del funzionamento dei reni.

Uno studio condotto sull’uomo ha anche rivelato che consumare asparagi in polvere (6 grammi al giorno per 10 settimane) risultava in una significativa diminuzione della pressione sanguigna in 28 volontari in salute (6).

Come si dice su the Epoch Times: (7)

“La ricerca suggerisce che gli asparagi hanno un effetto benefico generale sulla salute dei reni e nell’abbassare la pressione sanguigna in caso di ipertensione.”

Modi di preparare gli asparagi

Gli asparagi sono ottimi a vapore, saltati in padella o cucinati in forno.

Puoi anche aggiungerli nelle zuppe o per preparare deliziosi risotti.

Ricetta:

ASPARAGI E SALVIA IN OLIO DI COCCO

Ingredienti per 4/5 persone

Esecuzione

  1. Elimina la parte legnosa degli asparagi e tagliali in parti di 2 dita di lunghezza.
  2. Metti 1 cucchiaio di acqua in una padella con fondo spesso e scalda.
  3. Aggiungi l’olio, la curcuma e le foglie di salvia.
  4. Quando l’olio è sciolto, aggiungi gli asparagi e il sale e amalgama bene il tutto per circa 1 minuto.
  5. Aggiungi 2 cucchiai di acqua e chiudi la padella con il coperchio.
  6. Porta a bollore e poi riduci la fiamma.
  7. Fai cucinare per altri 4 minuti. Togli dal fuoco e aggiungi un po’ di olio di cocco.
  8. Mescola il tutto, disponi gli asparagi su un piatto e servi caldi.